Archivio | Primarie Italia Bene Comune 2012 RSS feed for this section

Montenero di Bisaccia, i risultati del ballottaggio alle Primarie del centrosinistra.

2 Dic

Pierluigi Bersani: 74 voti

Matteo Renzi: 49 voti

Schede nulle: una (con la dicitura “Tabacci Bruno”).

.

Totale votanti: 124

.

Montenero, circoli PD e SEL uniti nel sostegno a Bersani.

1 Dic

PDeSEL

Montenero di Bisaccia. Per il ballottaggio delle Primarie del centrosinistra del prossimo 2 dicembre, il Circolo locale di Sinistra Ecologia e Libertà si dichiara in sintonia con le dichiarazioni del portavoce nazionale Nichi Vendola: “Voterò Bersani, e lo farò perché è una persona perbene, uno dei rari leader politici non affetti da cinismo, un amministratore di talento e soprattutto un uomo di sinistra. Un socialista europeo figlio della migliore tradizione del riformismo italiano”.

Il Coordinamento locale del PD, il Circolo locale GD e gli Ecodem di Montenero, uniti nell’appoggiare il segretario nazionale Pier Luigi Bersani al ballottaggio così come al primo turno, esprimono grande soddisfazione per le dichiarazioni del Circolo locale di Sel, il quale ha prontamente accolto l’invito al voto del portavoce nazionale Nichi Vendola.

Insieme voteremo Bersani per contribuire a cambiare l’Italia e l’Europa, inserendo più uguaglianza, più lavoro, più diritti, più giustizia e più modernità. Per non ricercare la finanza ma finanziare la ricerca, la scuola e l’università. Per far sì che il merito parta dalle pari opportunità e dia spazio ai più bravi , senza lasciare indietro nessuno. Per rompere monopoli e incrostazioni di un paese dove conta più essere figlio di, che aver studiato. Stiamo con Bersani perché per dare una spinta all’Italia verso il futuro serve un centrosinistra unito e forte. Perché dobbiamo rinnovare, aprirci a nuove energie e promuovere nuove facce, ma senza dimenticare i nostri valori e la nostra storia.

Immagine

Montenero, analisi postprimarie.

28 Nov

(Da Il Quotidiano del Molise)

Clicca sull’immagine per ingrandirla:

Montenero di Bisaccia: piccola analisi storica delle Primarie.

26 Nov

Le Primarie del 2005 erano quelle per scegliere il candidato del centrosinistra alla Presidenza del Consiglio. Hanno registrato a Montenero la migliore affluenza di sempre, con 798 votanti. La candidatura di Antonio Di Pietro basta a giustificare l’alta affluenza alle urne. Il leader dell’Idv portò a casa 525 voti. Il vincitore nazionale, Romano Prodi, ne ottenne 136. In quest’occasione, il fattore campanilismo ha avuto indubbiamente un ruolo fondamentale.

Nelle Primarie del 2009, quelle per eleggere il Segretario del Partito Democratico, erano candidati Pierluigi Bersani, Dario Franceschini e Ignazio Marino. Ma l’affluenza, tutto sommato ancora alta (580 votanti), va giustificata con la contemporanea elezione, nelle stesse Primarie, del Segretario regionale Danilo Leva. In pochi ricorderanno le due liste, tanto ciniche quanto imbarazzanti: “Con Bersani e con Leva” e “Con Franceschini e con Leva”. A Montenero di Bisaccia, inoltre, non era possibile votare Ignazio Marino per un problema relativo alla costituzione del Comitato. Ultima nota di folklore, è quella legata a Domenico De Angelis, che a tempo di record, dopo aver perso le Primarie, saltò nell’Italia dei Valori. In questo caso, le lotte di spartizione all’interno del Partito Democratico regionale, il voler mostrare i muscoli dei rappresentanti locali, la nota di colore del probabile “Cavallo di troia” De Angelis, hanno mantenuto l’affluenza abbastanza alta.

Nelle Primarie del 2011, per scegliere il candidato del centrosinistra alle elezioni regionali del Molise, l’affluenza continua a scendere, con 325 votanti. Il vincitore, Paolo Di Laura Frattura, ottiene a Montenero 47 voti, mentre il montenerese Nicola D’Ascanio 229. Il fattore campanilismo continua ad influire, ma calmierato da una candidatura logora e non esattamente innovativa.

Le Primarie del 2012, per scegliere il candidato del centrosinistra alla Presidenza del Consiglio, hanno registrato la più bassa affluenza di sempre, con 145 votanti. Questa volta Antonio Di Pietro non è tra i candidati, come era avvenuto nelle Primarie del 2005. Il leader dell’Italia dei Valori ha dato però indicazioni di voto, precisamente per Bersani e per Vendola, ma evidentemente gli ordini impartiti a Montenero sono stati diversi da quelli consigliati a livello nazionale. Nel Partito Democratico regionale, che ha appoggiato compattamente Bersani, in questa occasione non ci sono state rilevanti lotte interne, né prove di forza. Unica anomalia da registrare, la stravaganza di alcuni Renziani dell’ultim’ora (attirati dall’appetito verso un terreno politico ancora vergine) che a giudicare dall’età anagrafica e dalla lunga carriera politica che hanno alle spalle, sono i primi che andrebbero rottamati dal sindaco di Firenze. Comunque, costoro che hanno votato e hanno fatto votare per Renzi, come ho detto, sono “Alcuni” (forse buona parte, ma sicuramente non tutti, e forse nemmeno la maggioranza).

Complessivamente, queste Primarie, anche se le meno partecipate, sono state forse le più libere, le più vere. Proprio per questo motivo, noi monteneresi, rischiavamo di andare a votare a Petacciato. Perché senza campanilismo, senza faide interne, la politica rischia di diventare bella, e quindi bisogna starne alla larga. Eppure un gruppo di volontari si è messo in testa di costituire un ufficio elettorale ed un seggio anche per queste Primarie. Senza l’aiuto di nessun politico navigato. Senza mettersi in tasca un centesimo. Senza avere qualcosa da rivendicare.

Saranno anche i numeri quelli che contano, ma a me va benissimo così.

.

Lorenzo Di Stefano

Montenero di Bisaccia, i risultati del primo turno alle Primarie del centrosinistra.

25 Nov

Pierluigi Bersani – 57 voti

Matteo Renzi – 50 voti

Nichi Vendola – 37 voti

Bruno Tabacci – 1 voto

Laura Puppato – 0 voti

Schede bianche, nulle, contestate: o

.

Totale votanti: 145

Primarie del centrosinistra, è consigliato iscriversi il giorno prima del voto.

23 Nov

Montenero di Bisaccia. Per le Primarie del centrosinistra ricordiamo che, pur potendosi iscrivere il giorno stesso del voto (il 25 novembre, dalle 08:00 alle 20:00), è consigliato iscriversi il giorno precedente, sabato 24 novembre, dalle 16:00 alle 20:00, sempre presso l’Ufficio elettorale delle Primarie sito nella Sala consiliare in Piazza della Libertà.

Per l’iscrizione è necessario presentare il documento d’identità e un contributo di due euro.

Per votare è necessario presentare il documento d’identità, la tessera elettorale, e il documento d’iscrizione alle Primarie.

Match point, spot per Vendola alle Primarie 2012

21 Nov

Puoi scegliere la Sinistra che guarda a destra.
O che guarda al centro.
Oppure Vendola.